NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
07
Wed, Dec
64 Nuovi articoli

Il Parco Geominerario. Protesta Italia Nostra

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

Italia Nostra Sardegna esprime viva preoccupazione per la decisione assunta dal Commissario Straordinario del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna che, con la deliberazione 10/2015 dello scorso marzo ha abolito la Consulta delle Associazioni di Volontariato culturale, ambientale e umanitario. Si tratta dell’ennesima scelta sbagliata, inopportuna e ingiustificata adottata dalla Direzione che indebolisce e mina la vita stessa del Parco Geominerario. E’ bene ricordare che la Consulta delle Associazioni è stata istituita nel 2007 in recepimento dei principi espressamente richiamati nel decreto istitutivo, con la finalità di promuoverne la partecipazione delle associazioni alla vita e all’attività del Parco. Con spirito di volontariato Italia Nostra Sardegna ha partecipato con propri esponenti al movimento culturale e ambientalista che ha portato alla istituzione del Parco Geominerario, nonché alle battaglie che, dopo l'avvenuta istituzione, si sono rese necessarie per difendere l'esistenza del Parco e la sua permanenza all'interno dei siti tutelati dall'Unesco, minacciata soprattutto dall’inerzia dei suoi organismi decisionali. Con lo stesso spirito, soprattutto grazie all’impegno pluriennale dei nostri soci Gianni Fanni e Fanny Cao in rappresentanza del CR Sardo, della Direzione Nazionale e della sezione di Cagliari – l’Associazione ha contribuito all’organizzazione di una Consulta che sapesse rappresentare e coordinare la molteplicità di associazioni nazionali e locali che hanno promosso, accompagnato , favorito e veicolato nel territorio l'attività del Parco Geominerario della Sardegna. Inspiegabile, pertanto, e arbitraria appare l'abolizione della Consulta, unico organismo democratico capace di portare la voce delle Associazioni dentro l'istituzione e di rilevare le criticità di talune, non poche, iniziative ma anche di individuare e suggerire le soluzioni. Infatti le argomentazioni richiamate dal provvedimento risultano non credibili e inidonee a giustificare l’abolizione della Consulta e men che meno quella secondo cui risponderebbe a principi - sacrosanti - di spending review, dal momento che ormai da tempo il Parco aveva tagliato i fondi destinati all'operatività della Consulta. Provvedimento questo che non ha impedito agli attivisti delle associazioni di proseguire l’attività come volontari e senza alcun rimborso. Al contrario degli organismi dirigenti del Parco. Riteniamo in definitiva che si sia semplicemente trattato di un atto ritorsivo volto a far tacere le voci critiche che la Consulta ha ripetutamente sollevato sull'operato non sempre limpido degli stessi organismi gestionali del Parco. Questa ultima scelta degli organismi dirigenti del Parco è funzionale a un’istituzione che si sta trasformando sempre più in un’inutile baraccone che disconosce e rifiuta la partecipazione dei protagonisti principali della sua creazione. e sempre più distante dallo spirito e dalla volontà della comunità che lo ha fortemente voluto. Comunità rappresentata dalle numerose associazioni che hanno concepito un’idea di Parco vivo e partecipato e un’occasione di lavoro per la Sardegna. Italia Nostra attuerà pertanto tutte le iniziative di contrasto a tale inaudita decisione, che saranno attuate a livello regionale e nazionale, mobilitando e interessando le proprie strutture locali, regionali e nazionali.
Graziano Bullegas Presidente CR Sardegna

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità