NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
61 Nuovi articoli

Sulcis. Pazienti stomizzati della Asl 7 si ritrovano improvvisamente senza i presidi necessari per le cure.

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

Pazienti stomizzati della Asl 7 si ritrovano improvvisamente senza i presidi necessari per le loro cure. A denunciare la criticità è Ignazio Locci Consigliere regionale Forza Italia Sardegna. Il comicato di Locci si riferisce al fattoche dal primo marzo i pazienti stomizzati della Asl 7 non possono più recarsi nella propria farmacia di fiducia per ritirare i presidi sanitari necessari per le loro cure (placche, sacche, etc), ma devono rivolgersi esclusivamente (personalmente o tramite soggetti autorizzati) alle farmacie dell’Azienda Sanitaria, una a Carbonia e l’altra a Iglesias. Fin qui poco male, del resto è orami da un po’ che siamo abituati alle scelte del Commissario Antonio Onnis dettate dalla solita logica del risparmio economico. Il punto è che attualmente i presidi in questione non sono nella disponibilità delle farmacie Asl e, secondo quanto hanno raccontato alcuni malcapitati, il personale non è nemmeno in grado di dare notizie sull’arrivo della merce. E di sicuro non possiamo accettare che i pazienti siano costretti a rifugiarsi nelle farmacie private per acquistare a prezzo pieno presidi che costano un occhio della testa.

"Passi pure la fredda logica del risparmio che contraddistingue l’azione della dirigenza Asl e sta alla base del provvedimento, ma è inaccettabile che a pagare la disorganizzazione dell’Azienda sanitaria debbano essere i cittadini- coomemta Iganzio Locci- Questa situazione deve essere al più presto risolta: faccio un appello al Commissario affinché disponga immediatamente l’avvio delle procedure per il reperimento dei presidi".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna