NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
61 Nuovi articoli

Iglesias. Guide turistiche parco geominerario. interpellanza On. Rubiu (Capogruppo Udc)

Attualità Locale
Aspetto
Condividi

<<Le guide turistiche che tentano di mostrare i tesori più belli del Sulcis Iglesiente sono ormai allo stremo. La Regione deve fare un giro tra le miniere dismesse e le gallerie. Solo così si renderà conto che, invece di un tour tra la bellezza, sarà un viaggio nel degrado>>. Non è solo un’opinione ma la realtà dei fatti certificata in un’interpellanza urgente dal capogruppo regionale Udc Gianluigi Rubiu. Un vero e proprio grido di dolore per l’incertezza riguardante le guide turistiche del Parco Geominerario. Sembra lontano l’atto con cui il Commissario straordinario dell’ente aveva deciso di dare un riconoscimento alle figure professionali stilando un elenco di professionisti impegnati nell’accoglienza. <<Guide turistiche impegnate a prestare il proprio servizio nei siti del Parco Geominerario dei Comuni di Iglesias (Porto Flavia, Villamarina, Grotta di Santa Barbara) e Buggerru (Galleria Henry) – spiega Rubiu - attualmente aperti al pubblico, garantendo così l’accoglienza e la ricezione dei turisti che visitano gli spazi culturali e storici dell’area del Sulcis Iglesiente. Si trovano a raccontare la storia sull’attività mineraria che ha modellato il paesaggio e la cultura delle popolazioni minerarie creando un ambiente in cui il fascino della storia accompagna il visitatore tra le splendide testimonianze di archeologia industriale, in mondi sotterranei e a contatto con la magnifica natura sarda>>. La situazione di emergenza è connessa al mancato accordo tra Parco Geominerario, Igea e Comuni – con l’apertura dei siti non garantita come da calendario – rischia di travolgere il sistema turistico. C’è poi anche l’assenza di un bilancio dell’ente, visto il mancato nulla osta del Ministero dell’ambiente, che pesa come un macigno. <<Oltre ad essere una mancata opportunità economica, perché le inefficienze documentabili da chi è già stato nel compendio finiscono con il dissuadere i turisti, il danno di immagine – conclude Rubiu – è notevole, con il Parco Geominerario che potrebbe essere l’ennesima scommessa persa per il Sulcis Iglesiente>>.

Commenti   

# Sandro Mezzolani 2016-07-13 17:51
Affermazione ERRATA. I siti minerari sono tutti regolarmente aperti come sempre. Nel caso di Iglesias la gestione è stata assunta dal Comune (come auspicato da decenni). Il Comune paga altre guide e il servizio PROSEGUE. Sulla vicenda guide del Parco l'On. Rubiu dovrebbe accertare altri aspetti; dal sistema di reclutamento alla scelta dei turni e alla mancata SELEZIONE delle Guide che oggi si lamentano. Solidali con chi perde il lavoro, ma no alla DISINFORMAZIONE, i siti sono APERTI REGOLARMENTE.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna