NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
06
Tue, Dec
56 Nuovi articoli

Portovesme. Petizione contro la centrale Eurallumina. I sindacati contro. Comunicato RSU UB Sulcis

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Nei giorni scorsi abbiamo appreso attraverso vari sistemi di comunicazione che all’interno del nostro sito produttivo sarebbe in corso una petizione, attraverso raccolte di firme, in contrapposizione al progetto Eurallumina.

A seguito di accurate verifiche sul caso abbiamo riscontrato che detta petizione non trovando “terreno fertile” è morta sul nascere... Dato il tempo opportuno, affinché gli animi siano giustamente più calmi e ricettivi, dobbiamo ricordare che il nostro fare rappresentanza lo dobbiamo ai lavoratori che operano e lavorano in questo luogo, la Centrale Enel Sulcis.

Qui si lavora per produrre energia per una Azienda SPA multinazionale come le altre di questo polo industriale, il prodotto sta in un mercato e con questo ci confrontiamo e ci confronteremmo. Su come siano le nostre condizioni produttive, le prospettive, le opportunità, le abbiamo davanti e le conosciamo e le seguiamo attentamente.

Sosteniamo, e ne siamo convinti, che ancora oggi si possa produrre energia utilizzando il Carbone, sappiamo che questo combustibile fossile, gestito con opportuna tecnologia rispettosa dei giusti vincoli ambientali, sia ancora una fonte utilizzabile.

Per chi si pone dubbi di sorta, noi conosciamo il carbone da molto più tempo di chi oggi vuole dare lezione. Allo stesso modo non dobbiamo di certo dimostrare il nostro incondizionato sostegno a tutte quelle vertenze che nel territorio rivendicano il lavoro e la ripresa produttiva, non perché facciamo parte di questo polo industriale e da questo possiamo dipendere, ma perché i nostri fratelli, padri, amici, dipendono da quel lavoro, e non c’è dubbio lo “si deve riconquistare”. Da questo dipende il futuro della nostra stessa comunità.

A noi è abbastanza chiaro quello che dobbiamo fare, di certo non può essere e non è dettato dal  social network di moda. Chi utilizza questi social network dovrebbe usare più rispetto verso chi lavora in questa fabbrica. Generalizzare ed amplificare le stupidaggini di pochi genera solo risonanza e attenzione proprio  verso quei pochi che ne fanno uso per promuovere le proprie di idee. E di certo non assomigliano minimamente a quanto sopra esposto. Sapere di più, farebbe bene a molti e gioverebbe alla serenità comune.

RSU Centrale Sulcis

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità