NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Thu, Mar
74 Nuovi articoli

Calasetta. Giovane ingoia un tappo di plastica e richia di soffocare: due carabinieri lo salvano

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Alcuni giorni fa due sottufficiali del corpo dei Carabinieri della  compagnia di Carbonia: il maresciallo  Benedetta Berti, comandante della stazione carabinieri di Tratalias e il vice brigadiere Marco Porricino  attualmente in servizio presso la stazione carabinieri di Sant’Antioco sono intervenuti salvando un giovane del posto che stava soffocando. I due militari che, liberi dal servizio, si trovavano a Calasetta. In Piazza Belly sono accorsi in aiuto di un ragazzo che avendo incautamente ingerito un tappo di plastica di una bottiglia d'acqua gli aveva procurato l'ostruzione delle vie respiratorie. Alcuni amici e conoscenti del ragazzo che subito hanno tentato inutilmente di aiutarlo hanno iniziato a gridare chiedendo aiuto dalle persone presenti in piazza. Visto che nessun presente era riuscito ad aiutare il ragazzo i due militari, forti della loro esperienza e preparazione professionale, hanno eseguito alternativamente la manovra di heimlich riuscendo a far espellere il tappo. Un intervento tempestivo e risolutore che ha permesso che il ragazzo riprendesse a respirare. Nel frattempo giungeva un'ambulanza del 118 con il personale sanitario che era stata chiamata da alcuni cittadini che  preso a bordo  il ragazzo lo ha trasportato all'ospedale Sirai di Carbonia per gli accertamenti e le cure del caso. L'episodio che i due militari non avevano segnalato ai loro superiori, ritenendo quanto fatto un semplice dovere di cittadino, è stato scoperto solo perchè due lettere scritte dallo zio  del ragazzo, il maresciallo dell'esercito Italiano e consigliere di minoranza del Comune di Calasetta Sandro Dessì, inviate  rispettivamente una al comandante della compagnia di Carbonia maggiore Giuseppe Licari e l'altra al comandante provinciale dei carabinieri di Cagliari raccontava il fatto e ringraziava i due militari. Ieri il ragazzo e la famiglia hanno voluto ringraziare personalmente i militari per il loro risolutore intervento.

Commenti   

# ROBERTO 2016-06-09 16:07
facciamo girare anche queste notizie e non solo le barzellette
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna