NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
09
Fri, Dec
63 Nuovi articoli

Sant'Anna Arresi. "Ai Confini tra Sardegna e Jazz". concerti dell' 8 settembre

Spettacolo
Aspetto
Condividi


Dopo l'entusiasmante e potentissimo concerto di ieri “Ai Confini Tra Sardegna e Jazz” prosegue offrendo al suo pubblico altri due concerti che non mancheranno di stupire. L'8 Settembre ancora due concerti straordinari come nella migliore tradizione dell'Associazione Culturale Punta Giara ipnotizzeranno il pubblico.

Ingrid Laubrock (sax tenore), Matt Moran (vibrafono), Sylvie Courvoisier (piano) guidati dalla tromba di Nate Wooley proporranno il loro progetto chiamato Battle Pieces. Tutti i musicisti sono di comprovata esperienza e portano avanti il verbo dell'improvvisazione jazzistica quasi facendo a pezzi il concetto di band fino ad elaborare la tecnica del solo estrapolato al massimo livello. Una battaglia di pezzi insomma che segnano la messa a punto di un linguaggio ancora più liberamente estremo.

Successivamente sarà il turno di uno dei contrabbassisti fondamentali della storia del jazz ed un caro amico del nostro festival, William Parker. Parker, già protagonista del sensazionale concerto con Brotzmann e Drake si esibirà domani con una formazione di giganti, Mixashawn Lee Rozie (percussioni e sax tenore), Rob Brown (sax alto), Steve Swell (trombone), Cooper Moore (piano), Hamid Drake (batteria). La spiritualità del polistrumentista Parker si riflette in ogni suo progetto e stile di vita, così anche in questo In Order To Survive che unisce improvvisazione libera ed al tempo stesso una meravigliosa cura ed attenzione al lato melodico ed armonico del jazz.


BATTLE PIECES By Nate Wooley

I Battle Pieces di Nate Wooley è un progetto che trae origine dal suo passato d’improvvisatore, e lavorando con la linguistica, i processi di registrazione e con i concetti aleatori e la moda si ottiene una composizione sempre mutevole che permette al solista con particolare formazione musicale di inserirsi in un contesto in continua evoluzione fatto di densità, velocità e silenzi. Ogni membro del quartetto è solista su un pezzo, scritto per evidenziare e spingere ai limiti del loro vocabolario l’ improvvisazione nel vero termine della parola, e permettere ad ogni membro di suonare con gli altri. Nel loro primo disco, registrato dal vivo al Tricentric Festival di Anthony Braxton nel 2014 e pubblicato dalla RelativePitch Records nel 2015, il gruppo si fa strada attraverso i primi quattro Battle Pieces, ognuno con un’improvvisazione di un membro del quartetto su un set caleidoscopico di armonie, melodie e scritture timbriche che la composizione propone. Tra un pezzo e l’altro, il gruppo esegue improvvisazioni basate sull’idea di prendere il materiale compositivo e trattandolo come se fosse un pezzo di nastro adesivo: modulando con diverse intensità e diverse velocità, lasciandole disintegrare, cambiandone il timbro o l’intonazione, etc. questi pezzi diventano una parte dell’opera di Battle Pieces e sono titolati come Tape Deconstructions anche quando sono eseguite completamente in acustico e in tempo reale dal quartetto con nessun arrangiamento post-registrazione. I Battle Pieces sono progettati per essere in continua evoluzione e crescita. Per questo motivo, Wooley ha raccolto tre dei musicisti più interessanti, capaci, ed espansivi di New York per esplorare le idee contenute in questo vasto mondo. Ingrid Laubrock sta rapidamente diventando la voce dominante sul sassofono jazz, essendo stata recentemente nominata dalla Commissione dei Critici del Downbeat’s 2015 quale stella nascente dei musicisti soprano. Matt Moran è un eroe meno conosciuto di musica improvvisata e ha lavorato con il John Hollenbeck Claudia Quintet per oltre un decennio. Sylvie Courvoisier è conosciuta come una potente e virtuosa del pianoforte e lavora regolarmente con John Zorn e Mark Feldman. Nate Wooley si è fatto un nome come uno dei cani sciolti che hanno cambiato il modo in cui viene percepita la tromba. Il suo legame con la storia del jazz è strutturato da un sano lato sperimentale. Collaboratore abituale con tutti i musicisti a partire da Anthony Braxton, Ken Vandermark, Evan Parker e Thurston Moore. I Battle Pieces si sono esibiti in due concerti a New York (uno con Tim Berne) e in un tour in Europa nel Gennaio 2016.

LINE UP:

Nate Wooley (trumpet), Ingrid Laubrock (tenor sax), Matt Moran (vibraphone), Sylvie Courvoisier (piano)

IN ORDER TO SURVIVE By William Parker


William Parker. Una figura carismatica del mondo del free jazz, soul, attinge la saggezza del poeta sufi, e, soprattutto, il bassista e polistrumentista. A partire dagli anni ’80 ad oggi, William Parker è uno dei musicisti più attivi e intrattenitori di New York, una delle voci più importanti della scena d’avanguardia, in cui ha improvvisato con quali Bill Dixon, Sunny Murray, Billy Higgins, Alan Silva e Rashid Ali, Ed Blackwell, Don Cherry e Cecil Taylor. Il suo talento di compositore ha trovato molteplici via di esplorazione, opere liriche, oratori, musica, teatro, cinema e balletto. Affascinato dalle culture orientali in viaggio raccoglie strumenti provenienti da tutto il mondo, che a volte aggiunge poeticamente e sapientemente al contrabbasso durante i concerti. Uno dei suoi preferiti è il flauto shakuhachi giapponese. Nel 1995 ha realizzato da leader Flowers Grow In My Room, per l’etichetta Centering. Era il primo documento della Little Huey Creative Music Orchestra che ha dato vita a un tour le cui esibizioni hanno toccato tra l’altro il Verona Jazz Festival e Banlieues Bleues. Il William Parker’s Quartet ha avuto ottime recensioni per tutti e tre gli album O’Neals Porch, Raining on the Moon e Sound Unity. Fin dall’inizio della sua carriera musicale, William Parker è stato un compositore musicale prolifico per la maggior parte dei gruppi con cui ha suonato. Le sue composizioni spaziano in diversi campi avendo prodotto opere, oratori, balletti, colonne sonore per film e soliloqui per contrabbasso solo ed ha anche esplorato con ottimi risultati le diverse formazioni dai piccoli combo ai più grandi ensemble. William Parker ha scritto poesie nei tre volumi pubblicati come: Music Is, Document Humanum, e The Shadow People. è attivo nei più importanti gruppi avant jazz, alcuni dei più prestigiosi sono diretti da lui: The Inside Songs of Curtis Mayfield, Little Huey Creative Orchestra, In Order to Survive, William Parker’s Quartet, Raining on the moon e altri. È anche un poeta le cui liriche stanno avendo una maggiore visibilità grazie ai vari libri pubblicati. Parker è anche autore di libri e raccolte di poesie e insegnante rispettato. Per diversi anni, co-organizzatore di un culto Vision Festival, che riunisce i vari ambienti artistici. L’Europa è una meta frequente del suo viaggio, dove il free jazz incontra le migliori voci del vecchio continente: e: Peter Kowald, Peter Brotzmann, Han Benninkiem, Conni Bauer Derek Bailey e Louis Sclavis e last but not least John Dikmena. Da sempre, insieme al batterista Hamid Drake, crea un tandem considerato come la migliore sezione ritmica del mondo.

Hamid Drake, brillante, sensibile, infinitamente ritmico, intelligente, spirituale e potente batterista di Chicago. Nato a Monroe in Louisiana nel ‘55, la sua famiglia si trasferisce ad Evanston–Chicago qualche anno dopo, proprio mentre un altro musicista, faceva lo stesso tragitto, con la propria di famiglia: Fred Anderson. Hamid si è immerso fin da adolescente nell’ascolto R&B e funk, di tutto il Motown, Stax e Atco. Ha iniziato a suonare in rock and R&B bands, ancor giovanissimo, attirando l’attenzione di Fred Anderson col quale dal 1974 in poi si instaura una collaborazione professionale che diviene sempre più stabile. È lo stesso Fred Anderson che lo introduce presso Douglas Ewart, Gerge Lewis e gli altri componenti dell’AACM ( Chicago’s Association for the Advancement of Creative Musicians). Le sue influenze musicali più significative per quanto riguarda le percussioni risalgono a quel periodo, ovvero ad Ed Blackwell, Adam Rudolph, Philly Joe Jones, Max Roach, Jo Jones. Altro incontro fortunato è quello con Don Cherry da cui scaturirà un’altra avventura musicale duratura. Dopo aver conosciuto Don Cherry, Hamid ha viaggiato molto al suo seguito in Europa, occasione per dedicare più tempo all’esplorazione dell’infinito universo percussivo, condividendo profondamentecon Don Cherry il significato della spiritualità applicata alla musica e delle sue infinite possibilità di trasformazione ed evoluzione. Negli anni è stato inventivo supporto ritmico di lungimiranti artisti tra cui Borah Bergman e Peter Brotzmann, con il quale ha suonato in quartetto con William Parker e Toshinori Kondo, MArylin Crispell, Pierre Dørge, il pianista compositore norvegese Georg Gräwe, Herbie Hancock, Misha Mengelberg, Pharoah Sanders, Wayne Shorter, Malachi Thompson, David Murray, Archie Shepp, Bill Laswell, Gigi, Herbie Hancock, Nicole Mitchell, Michel Portal, M. Zerang con cui celebra dal 1991 il Solstizio d’Inverno, Kent Kessler e Ken Vandermark nel DKV trio. Negli ultimi anni nonostante i molteplici impegni di lavoro, dedica sempre più, parte della sua attività a progetti perso­nali quali Bindu, Indigo trio (con Nicole Mitchell ed Harrison Bankhead) e collabora con alcuni tra i più interessanti musicisti del panorama italiano (Pasquale Mirra, Antonello Salis, Paolo Angeli).

Rob Brown: Rob è nato a Hampton, VA nel 1962. Ha iniziato a suonare il sassofono dall’età di 11 anni. Nel 1984 si trasferisce a New York dove inizia a collaborare con musicisti jazz tra cui Matthew Shipp, William Parker, Craig Taborn, Gerald Cleaver, Daniel Levin, Joe Morris, Whit Dickey. Rob ha suonato e/o registrato con Cecil Taylor, Anthony Braxton, Denis Charles, Bill Dixon, Butch Morris, Reggie Workman, Henry Grimes, Roy Campbell Jr, Hamid Drake e Fred Hopkins, ed inoltre ha collaborato con diversi gruppi di danza e poeti.

Steve Sweel: nato a Newark, NJ, Steve Swell è stato un membro attivo della comunità musicale di New York dal 1975. Ha tenuto tournée e registrato con molti artisti come Lionel Hampton e Buddy Rich, Anthony Braxton, Bill Dixon, Cecil Taylor e William Parker. La sua produzione conta 40 CD come leader o co-leader ed è presente in altre 100 produzioni discografiche. Dirige workshop in tutto il mondo ed è un insegnamento nel sistema scolastico pubblico di New York, concentrando la sua attività sui bambini con bisogni speciali.

Steve è stato nominato trombonista dell’anno nel 2008 e 2011 dalla Jazz Journalists Association, è stato selezionato trombonista dell’anno nel 2008, 2009, 2010 e il 2012 dalla rivista El Intruso dell’Argentina, Steve è stato anche citato dalla Critics Poll Downbeat nella categoria Trombone dal 2010 al 2014. Steve è attualmente un insegnante dell’American Composers Orchestra, dell’Healing Arts Initiative e della Leman Manhattan Preparatory School.

Cooper Moore: compositore, esecutore, storyteller, insegnante e tanto altro, Cooper Moore è stato uno dei principali catalizzatore nel mondo della musica creativa per oltre 30 anni. Come bambino prodigio Cooper Moore suonava il piano in chiese vicino alla sua casa natale in Piedmont in Virginia. Il suo primo gruppo jazz è stato costituito nel 1970 – il trio Apogee con David S. Ware e il batterista Marc Edwards. Sonny Rollins, stupito dal loro suono innovativo, li chiede di aprire per lui al Village Vanguard nel 1973, il risultato è strabiliante. Una registrazione in studio di questo gruppo è stata fatta nel 1977 e pubblicato sotto il nome di Ware nel 1979. Dopo un tour europeo evidentemente piuttosto faticoso con Ware, Beaver Harris e Brian Smith nel 1981, Cooper Moore tornato a casa distrugge completamente il suo pianoforte con una mazza nel suo cortile. Tornerà a suonare il pianoforte alcuni anni dopo, concentrando le sue energie dal 1981 al 1985 sullo sviluppo e l’attuazione di un programma di studi da insegnare ai bambini attraverso la musica. Tornato a New York nel 1985, trascorre gran parte del suo tempo creando musiche per produzioni teatrali e di danza, in gran parte utilizzando i suoi strumenti musicali artigianali. Nei primi anni ’90, William Parker gli chiede di unirsi al suo gruppo “In Order To Survive” rientrando a pieno titolo e regolarmente presente nel panorama jazz mondiali.

LINE UP:

William Parker (bass), Mixashawn Lee Rozie (percussion & tenor saxophone), Rob Brown (alto Sax), Steve Swell (trombone), Cooper Moore (piano), Hamid Drake (drums)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna