NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
08
Thu, Dec
65 Nuovi articoli

Cna. Infrastrutture: in termini di valore la Sardegna all’11° posto in Italia

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Negli ultimi 15 anni non si è speso meno delle altre regioni italiane: 33 miliardi, il 4,5% della spesa totale nazionale. Le opere pubbliche costano di più e si realizzano in tempi più lunghi: 1,2 anni il ritardo medio nell’esecuzione dei lavori rispetto ai tempi previsti – L’11% dei contratti appaltati vengono rescissi o sospesi

Negli ultimi 15 anni non si è speso meno delle altre regioni italiane: 33 miliardi, il 4,5% della spesa totale nazionale. Le opere pubbliche costano di più e si realizzano in tempi più lunghi: 1,2 anni il ritardo medio nell’esecuzione dei lavori rispetto ai tempi previsti – L’11% dei contratti appaltati vengono rescissi o sospesi

Sardegna al 4° posto in Italia per opere incompiute: 67 opere
per 173 milioni € di valore

Pesante il gap infrastrutturale: strade, ferrovie e reti idriche ci spingono al quart’ultimo posto in Italia

In deterioramento il patrimonio infrastrutturale: Comuni e Province investono 500 milioni rispetto al miliardo del 2006

In ritirata gli investimenti delle imprese a partecipazione pubblica (ENI, ENEL, FS, e TERNA), solo il 23% della spesa complessiva rispetto al 35,3% del Centro Nord

CNA: spesa in linea con il Centro Nord solo grazie ai Fondi Europei che hanno sostituito ma non integrato le risorse ordinarie, che non esistono più;
così il gap è destinato a crescere

Una beffa per la Sardegna se nel documento pluriennale di pianificazione in discussione col Governo la Sassari-Olbia rimarrà l’unica opera strategica

Decisivo il confronto con lo Stato: portare al Tavolo con l’Europa il riconoscimento dello stato di Insularità

Il riordino del sistema delle Autonomie Locali occasione per realizzare in Sardegna una Cabina di Regia Unica in materia di opere pubbliche e gare d’appalto

La centralità delle infrastrutture come fattore di competitività dei sistemi territoriali, punto di partenza di ogni politica di sviluppo.
È noto che l’investimento infrastrutturale, per gli stimoli fiscali che produce, oltre a rivitalizzare l’occupazione e la domanda interna, contribuisce nel lungo termine ad innalzare la competitività del sistema economico, migliorando l’efficienza del sistema produttivo e ampliando i mercati di acquisizione e di sbocco delle produzioni.

La condizione di Insularità rende ancora più centrale per la Sardegna il ruolo svolto dalle infrastrutture e dai trasporti in particolare, per posizionare sul sentiero dello sviluppo il processo di modernizzazione della società sarda.

Sono le premesse che fanno da preambolo alla Ricerca realizzata da CNA Sardegna, dal titolo “Infrastrutture e Territorio, studio sulla dotazione infrastrutturale della Sardegna”, presentata a Cagliari, che offre un’analisi compiuta su: la dotazione fisica, gli investimenti, la composizione della spesa pubblica, i costi dell’infrastrutturazione, il trasporto pubblico locale, le opere incompiute.

Valore delle infrastrutture regionali

Una stima condotta tenendo conto di tutti gli investimenti in infrastrutture a partire dagli anni sessanta, che tiene conto del tasso di deprezzamento delle opere più vecchie indica che il patrimonio di OO.PP. regionale vale circa 42 miliardi di euro, l’11mo posto in Italia. Dagli anni 80 il valore dello stock in Sardegna si è incrementato del 65%. Significa che più del 40% della dotazione è costruita negli ultimi 30 anni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità