NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
04
Sun, Dec
55 Nuovi articoli

Sardegna. Mont'e Prama: premiato archeologo Zucca

Stampa Regionale
Aspetto
Condividi

"Sulla questione di Mont'e Prama ci sono state discussioni e polemiche, ma la collaborazione tra ministero dei Beni culturali e Università ha dato frutti straordinari e in futuro non mancheranno nuove occasioni di collaborazione", lo ha assicurato la sottosegretaria ai Beni culturali, Francesca Barracciu, intervenuta a Oristano per la cerimonia organizzata da Confartigianato per la consegna della "Maschera delle maschere" all'archeologo dell'Università di Sassari Raimondo Zucca, premiato proprio per il suo importante contributo "alla rivelazione e alla comprensione del mistero dei Giganti di Mont'e Prama". A consegnare all'archeologo oristanese la edizione speciale della Maschera d'argento è stata proprio la sottosegretaria Barracciu che ha riconosciuto al professor Zucca "il respiro nazionale e anche internazionale della sua ricerca archeologica". Raimondo Zucca aveva ricevuto la Maschera d'argento già nel 1993 per i suoi studi sulle origini della Sartiglia, la tradizionale corsa equestre oristanese. Quella che gli è stata consegnata oggi è una edizione speciale del premio voluto 25 anni fa dalla Confartigianato oristanese per dare un riconoscimento pubblico a chi si fosse distinto nella valorizzazione, promozione e divulgazione della Sartiglia e della storia e della cultura dei sardi. Si tratta di una edizione speciale, destinata a restare unica, anche la maschera realizzata per l'occasione dall'artista Carmine Piras, che ha fuso nell'argento le sembianze del capocorsa della Sartiglia, su Cumponidori, e quelle dei Giganti di Mont'e Prama. (ANSA).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscriviti!! E' Gratis

Iscriviti attraverso il nostro servizio di abbonamento gratuito di posta elettronica per ricevere le notifiche quando sono disponibili nuove informazioni.
Pubblicità